#FollowMyDay
in San Francisco

Judith Haschert

Assistente di volo (32 anni, in SWISS dal 2012)

Judith Haschert lavora in SWISS dal marzo 2012. Il suo lavoro si combina alla perfezione con la vita privata, visto che la sua famiglia e i suoi amici vivono in California: "A San Francisco incontro sempre i miei cari." Judith è vegana e costantemente alla ricerca di nuovi trend alimentari. Judith ha composto per noi la giornata perfetta a San Francisco.

La città californiana da sogno continua sempre ad affascinare i suoi visitatori: cultura, gastronomia, arte o tecnologia – l'ispirazione che proviene da San Francisco è praticamente senza confini. Ma cosa si deve assolutamente provare quando si ha solo poco tempo a disposizione a San Francisco?

SWISS raggiunge San Francisco da Zurigo (ZRH). Dal San Francisco International Airport (SFO) serve una buona mezz'oretta per raggiungere il centro città con Uber.

08:00

Una colazione equilibrata è proprio quello che ci vuole per cominciare la giornata con il piede giusto: da Jane on Larkin si trova "il toast di avocado più goloso che io abbia mai mangiato." Judith lo accompagna con un tè verde, un succo fresco di centrifuga ed una sensazionale granola con frutti di bosco freschi e latte di mandorla. "Chi ama il pane fragrante troverà ciò che cerca nella panetteria propria del locale."

09:00

Già provato un cruffin? Proprio di fronte, nella Mr. Holmes Bakehouse viene servita questa specialità, un mix fra un croissant ed un muffin. "Qui me ne vado sempre con un pizzico di invidia", ammette Judith, perché purtroppo l'assortimento offerto non prevede ancora i cruffin vegani. Ma vale la pena approfittarne subito: la disponibilità di cruffin è infatti limitata a due pezzi a testa.

09:30

Ora ci si muove a piedi verso la Downtown, il centro città, in direzione Farmers Market, il mercato degli agricoltori, che si trova nel Ferry Building del porto. Nella leggendaria Market Street il programma non può prevedere altro che lo shopping. Nel Farmers Market Judith si addentra fra le bancarelle del mercato: "Qui naturalmente non può mancare il cavolo marittimo fresco." Questo supercibo è ben noto già da tempo agli americani. Per una breve pausa caffè il Blue Bottle Coffee è perfetto. "Ma gli amanti del gelato devono assolutamente fare una sosta da Humphry Slocombe!"

11:30

Uscendo dal mercato si può fare una bella passeggiata lungo il molo fino al famoso quartiere Fisherman’s Wharf, da dove si può scorgere, nonostante il grande assembramento di gente, l'isola-prigione di Alcatraz e il Golden Gate Bridge. Proprio lì a fianco, sulla Ghirardelli Square, secondo Judith si gode di una vista unica sul molo e sulla baia. E "qui si trovano probabilmente i più bei souvenir di tutta la città."

juiceshop.jpg

Chi invece preferisce concedersi ora un cruffin, può accompagnarlo subito con un succo fresco del Juice Shop sulla Ghirardelli Square, per fare di nuovo il pieno di energia.

13:00

La fame ora ci spinge fino a ROAM Artisan Burgers sulla Union Street. "Qui posso comporre il mio burger vegano personalizzato", dice entusiasta Judith. Oltre ad un medaglione di quinoa non possono mancare nemmeno avocado, cipolle caramellate e patate dolci fritte.

goldengatebike.jpg

14:30

È il momento di un tour in bici: "Si torna indietro al Fisherman’s Wharf per noleggiare una bici ed avventurarsi sul Golden Gate Bridge!" Sull'altro lato del ponte la fatica viene ricompensata da una vista mozzafiato su San Francisco. Infine si ritorna in traghetto fino alla baia e al Ferry Building.

14:30

Chi preferisce invece restare in città, dovrebbe assolutamente esplorare, a piedi o in bici, il Mission District. "Qui è tutto un brulicare di splendidi caffè e negozi", Judith lo sa bene. Il percorso si può allungare con una visita alle Painted Ladies a Hayes Valley, le famose case vittoriane diventate note grazie alla serie TV "Full House".

19:30

Per Judith il sushi a San Francisco è un appuntamento da non perdere. Con Uber si raggiunge rapidamente la Quattordicesima Strada, dove si trova il Shizen Vegan Sushi Bar & Izakaya. Qui si trova tutto ciò che il cuore di un gourmet giapponese desidera. Per questo i tempi di attesa per un tavolo sono lunghi: "Non è raro dover aspettare trenta minuti", conferma Judith. Purtroppo qui non tengono le prenotazioni. "Ma vale la pena attendere!"

21:30

Il Rooftop Bar El Techo nel Mission District è la location giusta per concludere piacevolmente con un drink la giornata a San Francisco. Per Judith il percorso fino al bar è perfetto per stimolare la digestione. "In questo quartiere si incontra un variopinto mix di persone." E chi a tarda ora dovesse sentire un languorino, potrà placare subito la fame con le tapas offerte e lo street food sudamericano.