#FollowMyDay
in San Francisco

DANIEL SONNLEITNER

Assistente di volo (33 anni, in SWISS dal 2016)

Fra Daniel e San Francisco è stato amore a prima vista! Il trentacinquenne lavora per SWISS dal 2016 come assistente di volo e riesce quindi a visitare la sua città preferita con regolarità: "Ogni volta che vi atterro ho come la sensazione di tornare a casa!" SWISS opera due voli quotidiani per San Francisco (SFO) da Zurigo (ZRH).

Situata sulla costa ovest della California, la metropoli si può visitare tranquillamente tutto l'anno grazie a condizioni climatiche che restano pressoché invariate in tutte le stagioni. L'autunno però è il periodo più consigliabile per una visita, visto che in estate può essere piuttosto fresco e nebbioso. Oltre al suo simbolo più famoso, il Golden Gate Bridge, San Francisco offre tanti altri highlight: le strade ripide con i tram storici, innumerevoli moli, per non parlare delle tipiche case vittoriane.

1_anflug.jpg

2_cablecar.jpg

3_frühstück.jpg

Non a caso si dice che la colazione è il pasto più importante della giornata. Al Cafe Eight AM c'è tempo dalle 7 della mattina alle 14 del pomeriggio per celebrare nel vero e proprio senso della parola la colazione. Qui ce n'è per tutti i gusti, che si adori il dolce o piuttosto il salato. Daniel è senza dubbio un amante del dolce; il suo piatto preferito in questo locale sono le crêpe dolci e il parfait con granola alla Nutella a base di yogurt, granola, frutta fresca e naturalmente Nutella in abbondanza. "Qui si trova tutto ciò che serve per cominciare in modo favoloso la giornata", dice estasiato Daniel.

4_telegraphhill.jpg

5_telegraphhill_aussicht.jpg

Partendo dal Cafe Eight AM , con una camminata di circa 20 minuti si raggiunge la Telegraph Hill, una delle tantissime colline che contraddistinguono lo skyline della città di San Francisco. "Per fortuna che ho fatto una colazione così abbondante, la salita è piuttosto faticosa!", scherza Daniel. Sul punto più elevato della Telegraph Hill si trova la Coit Tower, una torre panoramica alta 64 metri. Chi riesce a percorrere i 500 gradini, verrà ripagato con una fantastica vista sui quartieri circostanti. "Quando l'aria è tersa come oggi lo sguardo riesce a spingersi fino all'altro lato della baia e a scorgere Sausalito, Berkeley o Oakland. Meraviglioso!", afferma affascinato Daniel.

6_chinatown.jpg

7_chinatown.jpg

8_cablecar2.jpg

La visita prosegue poi verso China Town. Per strada Daniel si concede un caffè da asporto al Cafe Trieste . Trovandosi al limite del quartiere Little Italy, in questo locale si può gustare l'autentico caffè italiano. Daniel ne ama l'ambiente un po' antiquato, ma ricco di fascino: "Il Triesteè una vera attrazione in un panorama altrimenti dominato dalle grandi catene di coffee shop! Ma attenzione, qui si paga solo in contanti!". Con il caffè in mano passeggia tranquillo lungo le strade di China Town – il quartiere che rappresenta la mecca per i collezionisti di cianfrusaglie e souvenir di ogni tipo. Ad ogni angolo della strada si trovano graffiti variopinti e chioschi che offrono autentici piatti cantonesi. "Un 'clash of cultures‘ totale - improvvisamente ci si sente come catapultati nel bel mezzo della Cina! C'è solo il Cable Car a ricordarci che ci troviamo a San Francisco". China Town dista solo pochi passi dal Pier 17, detto anche Pier of Switzerland dal momento che ospita il Consolato generale svizzero e la sede di altre famose aziende svizzere. Inoltre qui si trova il Museo delle scienze chiamato Exploratorium: "La meta perfetta per i giorni di pioggia – gli esperimenti accessibili al pubblico sono assolutamente entusiasmanti!". Dal molo si può ammirare il Bay Bridge, fratello minore del

10_switzerland.jpg

pier.jpg

From China Town it's just a hop and a skip on foot to Pier 17, also known as the Pier of Switzerland as it is home to the Swiss General Consulate and a number of other renowned Swiss companies. It also has the Exploratorium museum of science: "A good idea for rainy days – the hands-on experiments are very exciting!" From the Pier you can admire Bay Bridge, little sister to the Golden Gate Bridge.

12_ggb.jpg

13_ggb.jpg

14_ggb.jpg

A proposito del Golden Gate Bridge: quando Daniel parla del simbolo più famoso di San Francisco, i suoi occhi cominciano a scintillare: "Per quanto breve possa essere il mio soggiorno in città, tutte le volte il ponte mi richiama a sé. Che sia a piedi, in bici o in auto, ogni volta sono sopraffatto da questo capolavoro architettonico! Lo sapevate che il Golden Gate Bridge è una delle sette meraviglie architettoniche del mondo moderno?" Il classico tour in bici consigliato da qualsiasi guida turistica da San Francisco a Sausalito è una certezza, ma Daniel consiglia il percorso inverso. Preferisce percorrere il tratto di andata in taxi fino al punto panoramico Battery Spencer. "Se il tempo è bello la vista da qui è semplicemente mozzafiato! E anche quando è nuvoloso, si vedono i piloni del ponte stagliarsi nella nebbia."

15_torpedo.jpg

Ritornando in città resta tempo a sufficienza per una sosta al Torpedo Wharf, secondo Daniel uno dei migliori punti in cui scattare foto ricordo con il ponte sullo sfondo. "Con un po' di fortuna da qui si possono addirittura osservare le balene nella Baia di San Francisco che si muovono libere fra il Golden Gate Bridge e l'isola di Alcatraz".

18_sunrise.jpg

Puntualmente al tramonto Daniel viene di nuovo attratto da un punto panoramico, ovvero il Cityscapes , un bar al 46° piano. Il sole che tramonta sul Golden Gate e le luci della città che gradualmente si accendono creano a 150 metri di altezza un'atmosfera unica: "Da quassù l'aperitivo è due volte più buono!"

Poi se dopo l'aperitivo si è assaliti da una fame da lupi, Daniel consiglia il locale Roam Artisan. "Qui tutti gli amanti degli hamburger troveranno il piatto ideale per loro: classico con manzo o pollo, vegetariano oppure un po' insolito con l'alce. E come accompagnamento le patatine fritte supergustose oppure un fritto misto di zucchine e cipolle!" Degna conclusione di una giornata densa di eventi.