#FollowMyDay
in Corsica

Simone Franzke

Online Editor di SWISS Travel Guide (41 anni, in SWISS dal 2016)

Simone Franzke ha trasformato il suo hobby in un lavoro: per SWISS Travel Guide raggiunge splendide destinazioni di vacanza, dopo di che sintetizza i suoi consigli di viaggio e le sue esperienze in articoli rivolti alla community di swiss.com. Via nave, bus e ferrovia si è recata in Corsica, restando incantata dalla più verde delle isole del Mediterraneo: «Trovo che sia l'isola più bella del Mediterraneo, praticamente inarrivabile in quanto a varietà di paesaggi.»

Chi è alla ricerca di spiagge da sogno e meravigliose città costiere, troverà in Corsica davvero la risposta ai propri desideri. Il periodo consigliato per tuffarsi nelle acque cristalline o esplorare le tante insenature rocciose è giugno o settembre. Chi tuttavia desidera avventurarsi fin sopra i monti di 2.000 metri, dovrebbe tenere presente che lassù la neve resta fino a giugno e che può fare parecchio freddo. Simone si è lasciata conquistare in particolare da una città: «Bastia è in assoluto la mia preferita. La città è vitale e variopinta, con negozi splendidi, mercati e il mare direttamente davanti alla porta di casa.» Da Ajaccio si può raggiungere Bastia col treno in tre ore abbondanti. «Già il viaggio in treno è di per sé un'esperienza fantastica!»

wingshot.jpg

bastia-hafen.jpg

ghisoni-mariotti.jpg

09:00

Croccanti baguette, golosi croissant e panini imbottiti freschissimi: ecco un perfetto inizio di giornata in Corsica. A chi alla mattina ama fare una colazione leggera, o si vuole premunire per gli attacchi improvvisi di fame, Simone consiglia alcuni gustosi canistrelli alla mandorla. «Da me dopo mezz'ora sono già spariti tutti. Sono così irresistibili!»

stflorent.jpg

stflorent2.jpg

09:30

Una passeggiata in città o l'avventura? Chi è in cerca di avventure, non dovrà far altro che saltare a bordo di uno dei piccoli bus che fanno la spola fra Bastia e St. Florent quattro volte al giorno. Percorrendo ripidi tornanti ed attraversando piccoli villaggi si sale su e si raggiunge l'altro lato della parte meridionale del Cap Corse. «La baia di St. Florent è da sogno. Non ha nulla da invidiare ai Caraibi», dice estasiata Simone. All'ombra di un pino ci si potrebbe trascorrere un giorno intero. Dimenticato il telo da mare? Nessun problema, lo si può trovare in uno dei fantastici negozi del posto. «Il pomeriggio gli appassionati di bocce si incontrano nella piazza del paese per giocare una o due partite. Assolutamente da non perdere: non riuscirete a non farvi conquistare dal gioco»d, suggerisce Simone.

09:30

Per chi invece è in vena di shopping, la passeggiata ideale è quella che sale per Rue César Campinchi e prosegue lungo Boulevard Paoli. «Qui si trovano, oltre ai marchi più noti, anche boutique piccole, ma carine.» Mentre La Chapelle, il paradiso delle calzature, è l'habitat ideale di ogni donna, per gli uomini c'è Michel et Noel: qui, nel vasto assortimento, troveranno sicuramente qualcosa che faccia al caso loro.

10:40

Si prosegue verso la distilleria ed enoteca dei produttori di liquori cult della Corsica: Cap Corse Mattei. «Questo aperitivo dal gradevole gusto amarognolo, creato da Louis Napoleon Mattei oltre 140 anni fa utilizzando vino ed erbe, non può mancare in nessun pranzo o cena che si rispetti», rivela Simone. Il Cap Corse Mattei val senza dubbio una visita: «Il negozio, che ricorda ancora nell'aspetto una rivendita di prodotti coloniali ed emana l'odore di talco tipico di una farmacia, è l'indirizzo perfetto dove cercare un regalino.»

textil-markt_cap_corse.jpg

11:00

Dopo aver portato a termine con successo la prima parte della missione «acquisto di souvenir», si prosegue direttamente con la passeggiata. "Chi si trova a Bastia nel fine settimana, non dovrebbe perdersi per alcun motivo al mondo un giro per i mercati." Di domenica si tiene un enorme mercato dei tessuti e delle pulci in Place Saint Nicolas – proprio di fronte a Cap Corse Mattei. «Qui si trova davvero di tutto! Dalla poltrona a orecchioni fino all'abito da sera.»

fisch-händler.jpg

12:00

È risaputo che lo shopping faccia venire fame, per questo il tour prosegue subito verso la prossima tappa: un altro mercato. Perché tutti i sabati e le domeniche mattina ci si può sfamare di specialità corse in Place de l’Hôtel de Ville. Il consiglio di Simone: «Una fetta di fiadone ancora tiepido, un dolce a base di formaggio di capra o di pecora. Meraviglioso!» Ma non manca l'offerta neanche per gli amanti dei frutti di mare. Al mercato si possono infatti comprare le ostriche provenienti dalla costa est della Corsica.

plage-minelli.jpg

simone-strand.jpg

13:30

È arrivato il momento del relax! Ovviamente in Corsica un salto in spiaggia è d'obbligo. La Plage Minelli è la piccola spiaggia di sassi a nord di Bastia. «Amo questa piccola baia, perché ci si può sedere sulle rocce ed è frequentata praticamente solo da locali.» Per chi invece preferisce la spiaggia sabbiosa, ecco la soluzione: «La spiaggia sabbiosa quasi senza fine chiamata La Marana si trova poco a sud della città e il modo più comodo per raggiungerla è in auto.»

santa-croce.jpg

17:00

Naturalmente anche il turismo culturale deve avere il suo spazio. L'Église Sainte-Croix è la chiesa più antica di Bastia. «Si cela dietro le antiche mura della città, sulla collina della cittadella, immersa in un dedalo di piccole viuzze.» Dopo averla trovata, vale la pena visitarne l'interno. «Adoro farmi pervadere per qualche minuto dal silenzio che si gode all'interno di questa chiesa tranquilla. L'atmosfera è davvero molto speciale.»

wein.jpg

19:30

Dalla cittadella si ritorna comodamente verso il centro città, dove ci si imbatte in una lunga serie di bar e bistrot con vista sul pittoresco porto. Un luogo molto amato dai turisti, di conseguenza molto frequentato ed eccessivamente caro. Simone predilige perciò un altro posticino carino: «Mi piace il Café Les Intimes, proprio all'angolo della vecchia piazza del mercato.» A chi vuole spizzicare anche qualcosa insieme al bicchiere di vino, Simone consiglia la Salade Niçoise: «Strepitosa!»

20:30

Per placare la fame e concludere degnamente una fantastica giornata in Corsica è perfetto L’Entraide. Questo ristorante non conquista per forza per un'ampia selezione di proposte, ma di certo per i piatti freschi, da agricoltura biologica e regionali a prezzi ragionevoli. Dopo la sua prima volta al ristorante, Simone non aveva dubbi sul suo piatto preferito: «L'insalata di pomodori con burrata e prosciutto corso. Semplice, ma dal gusto imbattibile! E come dessert una crème brûlée aromatizzata alle quattro spezie. Assolutamente perfetta!»